Compliance

Compliance:
il rispetto verso il mondo

 

La Compliance, o conformità normativa, consiste nel rispetto da parte dell’impresa di specifiche disposizioni impartite dal legislatore, da autorità di settore, da organismi di certificazione nonché di regolamentazioni interne alle società stesse, che riguardano l’ambiente in cui l’organizzazione opera, sia esso nazionale o internazionale.

Il processo di compliance si compone di strutture organizzative, attività, politiche e procedure finalizzate alla prevenzione del rischio di non conformità normativa dei processi aziendali, individuando le modifiche correttive da apportare in caso di disallineamento.

Il Risk Management applicato alla Compliance

La gestione dei rischi connessi alla Compliance è funzionale alla prevenzione delle violazioni di norme, regole o standard, da cui possono derivare sanzioni, perdite operative, danni reputazionali e provvedimenti di interdizione parziale o totale dell’attività.

Quindi una corretta gestione di tali rischi si può tradurre in un fattore di maggiore competitività aziendale poiché:

  • favorisce la promozione ed il consolidamento dei principi etici dell’organizzazione
  • migliora la relazione con la clientela
  • tutela gli amministratori da possibili responsabilità personali
  • permette di armonizzare i comportamenti dei dipendenti

Il nostro modello di Global Risk Management si occupa di:

  • prevenire i disallineamenti tra le procedure aziendali ed il sistema delle regole, interne ed esterne, che devono rispettare
  • assistere le strutture organizzative nell’applicazione delle norme, dei regolamenti, delle procedure e dei codici, coordinandone e garantendone l’attuazione
  • evidenziare l’evoluzione normativa al fine dell’aggiornamento periodico della documentazione interna, predisponendo eventuali interventi formativi per adeguare le procedure interessate
  • individuare e risolvere situazioni di discordanza tra la disciplina in vigore e l’operatività aziendale
  • prevenire i rischi normativi (come il rischio di sanzioni legali o amministrative, di perdite operative, di provvedimenti di interdizione parziale o totale dell’attività)
  • prevenire i rischi reputazionali presso l’opinione pubblica, la comunità finanziaria e tutti gli stakeholder aziendali (come dipendenti, fornitori, clienti, Pubblica Amministrazione, azionisti, ecc.)